Social Contattaci via email Facebook Twitter Linkedin Google Mercoledí, 1 Febbraio 2023


ESTRATTO INDICAZIONI LINEE GUIDA PRIMA PROVA ORALE ANNO 2022 DM 21/12/22

10.01.2023
il quesito e il caso devono in particolare essere impostati partendo dal diritto sostanziale e dando rilievo a uno o più profili di diritto processuale, e non viceversa;
il quesito non può … avere ad oggetto materie disciplinate nell’ambito delle leggi complementari al codice civile e al codice penale.
Quanto in particolare al codice civile, la vastità della materia suggerisce – conformemente alla decennale prassi delle tradizionali prove scritte, sostituite dalla prima prova orale – di escludere le materie contenute nel Libro V, costituendo il diritto del lavoro e il diritto commerciale materie specifiche e autonome, comprese tra quelle oggetto della seconda prova orale;
la prima prova consiste nella soluzione ad un caso;

I criteri di valutazione ai quali le commissioni d’esame dovranno attenersi sono:
correttezza della forma espositiva, anche sotto il profilo grammaticale e sintattico, padronanza nell’uso del linguaggio giuridico;
chiarezza, logicità, completezza, sinteticità, rigore metodologico dell’esposizione;
capacità di individuare i nuclei problematici, le questioni di diritto, gli istituti sostanziali e processuali coinvolti, la disciplina applicabile, gli eventuali orientamenti giurisprudenziali e dottrinali;
dimostrazione della conoscenza dei fondamenti teorici degli istituti giuridici trattati strettamente pertinenti al quesito da risolvere;
capacità di stabilire nessi tra gli istituti sostanziali e processuali che vengono in rilievo;
dimostrazione di concreta capacità di prospettare soluzioni plausibili di problemi giuridici, sulla base del diritto sostanziale e del diritto processuale, anche attraverso riferimenti essenziali agli orientamenti giurisprudenziali e ad eventuali esperienze maturate durante la pratica professionale;
dimostrazione della capacità di cogliere eventuali profili di interdisciplinarietà;
capacità di argomentare adeguatamente e in modo persuasivo la soluzione del caso prospettata all’esito dell’esame preliminare